Scivoloni geografici… d’autore

9 ottobre 2018 -  Il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli ha parlato a Telenord del problema del traffico merci attraverso il valico tra Italia e Austria ma il tunnel su gomma in realtà non esiste - APRI LINK

9 settembre 2018 – Il Ministro Luigi Di Maio, in visita a Bari, parlando con il presidente della Regione Puglia, gli chiede: “Con Matera cosa state facendo? - APRI LINK
 
7 settembre 2018 – Nel libro testo per la quinta elementare  “Capire il presente” di Tiziana Canali , Mondadori Education, si replica la storica gaffe dell’ex Ministro Gelmini . Infatti si legge : "Oggi il Gran Sasso ospita un Parco nazionale e dei laboratori sotterranei per la ricerca scientifica ......un lungo tunnel collega questi laboratori al Cern, il più grande laboratorio di fisica, che si trova al confine tra la Svizzera e la Francia, vicino alla città di Ginevra". - APRI LINK
 

Geografia a rischio nei professionali. Istruzioni ai docenti per come difenderla

Geografia a rischio nei professionali. Istruzioni ai docenti per come difenderla

 

Pervengono al Coordinamento SOS Geografia segnalazioni di attività di ridefinizione dei curricula operate dalle Istituzioni Scolastiche, ai sensi del DLgs 61/2017, che non prevedono l’ aggregazione dell’ insegnamento di Geografia fra le discipline dell’ asse storico-sociale - primo biennio degli istituti professionali, come previsto dallo stesso Allegato B del DLgs 61/2017 (tab. 1 – primo biennio).

Si rileva a tale riguardo che:

1) la definizione delle “norme generali sull’ istruzione”, quale è la definizione ordinamentale delle discipline obbligatorie, è di esclusiva pertinenza dell’ autorità statale (art. 117 Cost.), escludendosi pertanto la competenza delle autonomie scolastiche in merito alla soppressione di un insegnamento obbligatorio;

2) l’ eventuale intervento, ai sensi dell’ art. 6 co. 1 lett a) dello stesso DLgs 61, sulla quota di autonomia a discrezione delle istituzioni scolastiche incontra il limite interno del “rispetto […] degli insegnamenti obbligatori previsti nei profili di cui all’ art. 3 co 3” (Allegato A, 2). Tali insegnamenti sono elencati, ai sensi dello stesso articolo, nell’ Allegato  B, in cui, fra le discipline di riferimento dei quadri orario del primo biennio figura, all’ interno dell’ asse storico-sociale, l’ insegnamento di Geografia.

E’ dunque evidente l’ illegittimità, per violazione di legge e per incompetenza, di qualunque delibera collegiale assunta da OO.CC. o da atti di gestione compiuti dal D.S. che non prevedano l’ aggregazione dell’ insegnamento di Geografia fra le discipline dell’ asse storico-sociale nel primo biennio degli Istituti Professionali.

Un tale comportamento, e una conseguente delibera, sono dunque illegittimi e sono imputabili:

a) ai membri dell’ O.C. “che hanno espresso voto favorevole” (art. 1-ter L. 20/1994; cfr., inoltre, l’ art. 24 D.P.R. 3/1957);

b) al D.S., in quanto organo responsabile degli atti di gestione e legale rappresentante della Istituzione (art. 25 D. Lgs. 165/2001 e s.i.m.).

Per tutti questi motivi, SOS Geografia suggerisce a tutti i colleghi, e in particolare ai colleghi di Geografia che possono vantare un interesse qualificato alla legittimità dell’ atto amministrativo, o derivare un danno dalla sua illegittimità, di:

a) esprimere voto contrario a delibere di OO.CC. di ridefinizione dei curricola che non prevedano l’ aggregazione dell’ insegnamento di Geografia fra le discipline dell’ asse storico-sociale nel primo biennio degli Istituti Professionali;

b) far constatare a verbale il proprio dissenso (art. 24 D.P.R. 3/1957);

c) indicare a verbale la seguente motivazione al proprio voto contrario:

Premesso che:

1) la definizione delle “norme generali sull’ istruzione”, quale è la definizione ordinamentale delle discipline obbligatorie, è di esclusiva pertinenza dell’ autorità statale (art. 117 Cost.), escludendosi pertanto la competenza delle autonomie scolastiche in merito alla soppressione di un insegnamento obbligatorio;

2) l’ eventuale intervento, ai sensi dell’ art. 6 co. 1 lett a) del DLgs 61/2017, sulla quota di autonomia a discrezione delle istituzioni scolastiche incontra il limite interno del “rispetto […] degli insegnamenti obbligatori previsti nei profili di cui all’ art. 3 co 3” (Allegato A, 2). Tali insegnamenti sono elencati, ai sensi dello stesso articolo, nell’ Allegato  B, in cui, fra le discipline di riferimento dei quadri orario del primo biennio (tab 1) figura, all’ interno dell’ asse storico-sociale, l’ insegnamento di Geografia,

tutto ciò premesso,

la presente deliberazione, nella parte in cui non prevede l’ aggregazione dell’ insegnamento di Geografia fra le discipline dell’ asse storico-sociale nel primo biennio degli Istituti Professionali, è da ritenersi illegittima. Il sottoscritto, ai sensi e per gli effetti dell’ art. 24 D.P.R. 3/1957, dell’ art. 1-ter L. 20/1994 e per ogni altro effetto di legge, informa i componenti dell’ organo, fa constatare a verbale il proprio dissenso ed esprime voto contrario.

L’ espressione e la messa a verbale del proprio dissenso, oltre ad avere un effetto protettivo nei confronti di eventuali responsabilità derivanti dall’ atto illegittimo, costituiscono una condizione necessaria della legittimità ad agire del soggetto eventualmente leso: in altre parole, chi non dimostra a verbale la propria contrarietà alla deliberazione illegittima, si trova successivamente preclusa la possibilità di agire eventualmente in giudizio contro la delibera lesiva stessa.

 

Utilizziamo cookie per migliorare la tua esperienza su questo sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information